Pubblicato da: federicologiudice | 21 luglio 2013

Al Bayern la Telekom Cup 2013

Immagine

 

B.MÖNCHENGLADBACH-BAYERN 1-5

MARCATORI: pt 17’ Ribery, 23’ Lahm, 26’ Alcantara, 30’ De Jong(rig.), st 11’ Robben, 30’ Müller

B.MÖNCHENGLADBACH (4-4-2): Heimeroth 5.5; Jantschke 5, Nordtveit 5.5, Dominguez 5, Wendt 5; Hermann 6.5, Dahoud 6 (1’st Kramer 5.5), Xhaka 5.5, Arango 6; De Jong 6, Hrgota 5.5. All. Favre 5

BAYERN (4-3-3-): Starke 6, Rafinha 6, van Buyten 6.5 (19’ st Kirchhoff 6), Boateng 6.5, Contento 5 (1’ st Alaba 6.5); Lahm 7 (19’ st Weihrauch 6), Thiago Alcantara 7.5 (19’ st Shaqiri 6), Kroos 7 (21’ st Weiser 6); Robben 7, Müller 6.5, Ribery 8. All. Guardiola 8

ARBITRO: Winkmann 7

NOTE: Spettatori 48 mila. Ammoniti: Contento, Kramer

Federico Lo Giudice

MÖNCHENGLADBACH Mostruoso, cinico e perfetto. Il Bayern di Pep Guardiola nella due giorni della Telekom Cup ha mostrato tutte le sue potenzialità e chiarito, se ce ne fosse stato ancora bisogno, che quest’anno riuscire a strappargli lo scettro di Deutscher Meister sarà una missione impossibile. Dopo la quaterna rifilata sabato all’Amburgo, i campioni d’Europa di reti ne realizzano ben 5 contro i padroni di casa del Mönchengladbach aggiudicandosi così il trofeo con 9 reti all’attivo e con una sola al passivo subita su calcio di rigore.

CAMALEONTICO A parte i gol, quello che realmente ha impressionato del Bayern durante questo torneo è la naturalezza con cui i giocatori bavaresi hanno assimilato le idee del loro allenatore e la facilità di adattarsi a ricoprire più ruoli. Se sabato contro l’Amburgo le “sorprese” tattiche erano state quelle di Ribery come  centrale di centrocampo e di Pizarro nelle vesti di rifinitore, ieri c’è stata quella di Lahm schierato come esterno di centrocampo, ottima la sua prova, per fare spazio in difesa a Diego Contento. Quella che Guardiola sta forgiando è una squadra capace di cambiare, anche in partita in corso, modulo e posizione dei suoi giocatori in modo così naturale da togliere ogni “certezza” tattica agli avversari. A lasciare a bocca aperta anche le prestazioni di Thiago Alcantara, che la stampa tedesca per le sue giocate ha già soprannominato il “Mago”. Lo spagnolo ora potrebbe costringere alla panchina sia il suo connazionale Martinez, che Bastian Schweinsteiger ancora alle prese con i postumi dell’operazione alla caviglia. Ora la curiosità sarà vederlo all’opera, mercoledì prossimo a Monaco, contro il suo Barcellona per avere l’ultima conferma che i 20 milioni spesi dal Bayern per strapparlo ai catalani sono stati uno dei migliori investimenti fatti negli ultimi anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: