Pubblicato da: federicologiudice | 27 luglio 2013

Inter, solo un pari ad Amburgo

 

 

Immagine 

AMBURGO Finisce in parità il primo test amichevole della squadra di Mazzarri dopo il ritiro in Trentino. La squadra nerazzurra segna subito in avvio del match con Icardi, bravo a sfruttare il cross da destra di Guarin, ma viene rimontata nella ripresa con Rudnevs che di testa batte un Handanovic super; che fino al momento del gol dell’1-1 aveva bloccato ogni occasione dei padroni di casa tedeschi. Sono in pochi a brillare in casa Inter, anche se preventivabile visto che il ritiro pre-campionato si è concluso solo da qualche giorno. Attenuante dei nerazzurri è la fase di preparazione dell’Amburgo che chiudono proprio oggi il loro pre-campionato, avendo da giocarsi già nel week end della prossima settimana il primo turno di Coppa di Germania per poi fare spazio alla prima giornata della Bundesliga che partirà il 10 Agosto.

ICARDI SEGNA SUBITO – L’Amburgo cerca subito di muoversi pericolosamente con van der Vaart, l’olandese però viene pescato in offside sul servizio di Jiracek. Qualche secondo dopo, invece, l’Inter è già capace di timbrare il cartellino con il lancio di Guarin che pesca perfettamente in area Icardi che di prima manda in rete battendo il portiere Drobny per il vantaggio nerazzurro al primo assalto per la squadra di Mazzarri. La squadra di casa, però, ci mette poco per rientrare in partita e nello spazio di due minuti Handanovic è chiamato a due super interventi per mantenere la propria porta inviolata prima sull’incursione di Rudnevs e poi sulla conclusione dalla distanza di Arslan. Ancora Amburgo pericoloso al 18’ ma Rudnevs non sfrutta lo spazio concessogli dalla difesa di Mazzarri calciando in bocca ad Handanovic mancando, così clamorosamente la chance per segnare il gol del pareggio. Dopo il time-out di metà tempo l’azione di ambo le squadre scema, con i nerazzurri che provano a giocarsela in contropiede con Ricky Alvarez e con i lunghi lanci di Cambiasso senza però sfondare la retroguardia della squadra di Thorsten Fink.

INTER RIMONTATA IN AVVIO RIPRESA – Nella ripresa Mazzarri si gioca subito un cambio facendo entrare Andreolli che prende il posto di Ranocchia al centro della difesa a tre. Come accaduto nel primo tempo alla prima azione arriva il gol, questa volta tocca però all’Amburgo che segna la rete del pareggio con Rudnevs che di testa supera un immobile Handanovic dopo il cross da destra di Arslan. Sull’attaccante lettone non arriva Andreolli che lascia così spazio per la conclusione del classe ’88 ex Lech Poznan. Prova a rispondere subito la squadra nerazzurra con l’azione personale di Ricky Alvarez che prova poi ad esplodere il sinistro all’altezza del limite dell’area, ma la conclusione dell’argentino viene deviata in angolo da Sobiech. L’Inter nello spazio stretto è molto veloce e Palacio al 56’ ha un’occasionissima per trovare il nuovo vantaggio, l’ex Genoa però ci mette qualche secondo in più per calciare verso la porta di Drobny e si fa così anticipare da Sobiech. Dall’altra parte Rudnevs ha ancora voglia di fare ma questa volta il colpo di testa del lettone non è preciso, finendo alto sopra la traversa dopo il cross da sinistra di Jansen.

GIRO DI CAMBI PER AMBO I TECNICI – Poco dopo lo scoccare dell’ora di gioco Mazzarri manda in campo anche Belfodil e Kuzmanovic che prendono rispettivamente il posto di Icardi e Cambiasso. L’Inter cerca di essere sempre pericolosa in contropiede, ma l’occasione più ghiotta arriva al 69’ quando Guarin serve perfettamente Palacio che però da buona posizione sbaglia andando a colpire addosso al portiere Drobny che manda in angolo. Ai meno dieci il tecnico dell’Inter getta nella mischia anche il giovane Capello con l’attaccante classe ’95 che prende il posto di Palacio mentre spazio anche per Jonathan che entra al posto di Nagatomo (scambiandosi così il posto con Pereira). Nel finale le forze rimaste sono però molte poche ed è l’Amburgo che prova il tutto per tutto per chiudere il precampionato con una vittoria, ma c’è ancora Handanovic a dire di no parando la conclusione dalla distanza di Badelj.

(Articolo ripreso da Eurosport)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: