Pubblicato da: federicologiudice | 29 agosto 2013

Supercoppa Europa, Mou già stuzzica Guardiola

Immagine

Federico Lo Giudice

PRAGA La notte della resa dei conti. Bayern contro Chelsea. Messi contro Ribery. Ma soprattutto Guardiola contro Mourinho. Quella di quest’anno sarà un Supercoppa europea ricca di incroci suggestivi che la renderanno, forse, la più entusiasmante tra quelle giocate dal 1973 sino a oggi. Bayern contro Chelsea, il primo orfano ancora inconsolabile di Jupp Heynckes, il secondo invece che ha riaccolto a braccia aperte l’uomo che dopo 50 anni lo riportò a vincere la Premier. Dopo 15 anni la sfida tra la vincitrice della Champions League e quella dell’Europa League non si giocherà più allo Stade Luoise II del Principato di Monaco, ma all’Eden Stadium di Praga. Da quest’anno, infatti, la sede dell’evento diverrà itinerante come accade per le finali delle due competizioni Uefa.

RIVINCITA Sarà la rivincita della finale di Champions League del 2012 vinta dagli inglesi in casa dei bavaresi. Il Bayern parte come favorito, ma ha un record poco invidiabile: non è mai riuscito a vincere la Supercoppa in tutte le sue partecipazioni. Nel 1975 furono battuti in tutte e due le gare dalla Dinamo Kiev. L’anno successivo i bavaresi vinsero 2-1 a Monaco contro l’Anderlecht, ma a Bruxelles subirono un umiliante 4-1. Al contrario il Chelsea è stata la prima squadra ha vincere il trofeo nella 1ª edizione giocata a Montecarlo battendo 1-0 il Real Madrid, ma ha perso 4-1 lo scorso anno contro l’Atletico Madrid nell’ultimo anno in cui la competizione si giocava nel Principato dei Ranieri.

AMICI MAI Ma domani sera a Praga molti degli occhi saranno puntati sui due allenatori. Sarà il 14° confronto tra i due allenatori più famosi del mondo che, pur non dicendolo apertamente, non si amano e stimano. In Spagna i due alla guida di Barça e Real si sono affrontati 11 volte: 2 vittorie per Josè e 5 per Pep, tra cui la prima storica “manita” e la vittoria nella semifinale di Champions del 2011. Il catalano, però, perse nel doppio confronto quando il portoghese allenava l’Inter del triplete. Un Mou che ha già iniziato a stuzzicare il suo nemico numero uno: “Non sono sicuro che il Bayern di oggi sia così forte come sotto la gestione di Heynckes”. Una frecciata che avrà colpito Guardiola, che spera di poter vendicarsi in campo centrando così in un colpo solo due obiettivi: battere il suo eterno rivale e cancellare la sconfitta nella Supercoppa tedesca per entrare definitivamente nel cuore di quei tifosi del Bayern che ancora si sentono gli orfani di Jupp Heynckes.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: